Archive for the 'Televisione' Category

Agcom dati 5/02/2018 al 11/02/2018 Pluralismo politico/istituzionale nei telegiornali

19 febbraio 2018
Agcom dati Pluralismo politico / istituzionale in televisione nei telegiornali.
Periodo di rilevazione dal 5/02/2018 al 11/02/2018.
I dati sono inerenti ai soggetti politici all’interno dei telegiornali, preso in considerazione le Edizioni principali in onda.
Dati telegiornali: Tempi di parola dei soggetti politici.
Tempo di parola: indica il tempo in cui il soggetto politico/istituzionale parla direttamente in voce.

Tornano i dati Agcom in vista delle elezioni del 4 marzo. Di settimana in settimana i dati variano adattandosi in presenza di sfori, con relativi richiami Agcom, riguardo la rilevazione della settimana precedente.

Agcom: 5/02/2018 al 11/02/201, Dati telegiornali Tempo parola Edizioni Principali

Tg 1 Tg2 Tg 3 TgLa7
Pd
22,98% 25,44% 24,53% 16,52%
Liberi Uguali
 7,41%  4,95%   4,49%   0,00%
Civica Popolare
 3,03%  1,63%   2,17%   1,34%
Forza Italia 19,70% 19,95%  19,46%  56,85%
Lega
 7,10%  5,83%   4,85%   3,87%
Frat. Italia  4,01%  2,44%   2,10%   3,57%
Mov 5 Stelle 23,35% 19,95% 20,69% 16,52%
Tg 5 Tg4 St Aper SkyTg24
Pd
25,88% 26,49% 31,12% 29,25%
Liberi Uguali
 6,07%  3,37%   6,49%  3,57%
Civica Popolare
 3,14%  1,02%   2,05%  0,46%
Forza Italia 14,76% 26,80% 22,94% 25,09%
Lega
 7,65% 6,43%  6,99% 7,60%
Frat. Italia 5,09% 2,98%   0,00%  4,47%
Mov 5 Stelle 25,58% 28,13% 20,68% 17,74%
Annunci

Bibi Ballandi lascia in eredità storici programmi ben fatti

15 febbraio 2018
BiBi Ballandi produttore dei palinsesti televisivi serali, in onda negli ultimi 30 anni è mancato: si spegne un pezzo di buona televisione.
1983
Sua l’idea del BANDIERA GIALLA dove verranno registarti i primi show Tv:
BLITZ, BE POP A LULA, HAMBURGER SERENADE.
1990
STASERA MI BUTTO
1994
BEATO TRA LE DONNE, debutto Rai per Paolo Bonolis. Si inaugura il CAPODANNO IN DIRETTA TV dalle Piazze d’Italia, diverrà un format distintivo grazie al brand L’ANNO CHE VERRA.
1996
Prima edizione del PAVAROTTI & FRIENDS.
1997
Concerto SULLA STRADA… E SEI RIMASTO QUI Adriano Celentano e Bob Dylan con spettatore d’eccezione Sua Santità Giovanni Paolo II.
1998
TARATATA musica dal vivo con Bruce Springsteen a Madonna.
1999
One man show C’ERA UN RAGAZZO con Gianni Morandi seguito da FRANCAMENTE ME NE INFISCHIO con Adriano Celentano.
2000
Fiorello, STASERA PAGO IO , Giorgio Panariello TORNO SABATO e Renato Zero, TUTTI GLI ZERO DEL MONDO.
2001
125 MILIONI DI CA…TE con Celentano. PANARIELLO CHI?, divisione teatrale per Antonio Albanese, Paola Cortellesi, Mariangela Melato, Michelle Hunziker.
2002
LA BELLA E LA BESTIA Lucio Dalla e Sabrina Ferilli.
2004
50 CANZONISSIME con Carlo Conti e BALLANDO CON LE STELLE di Carlucci.
2008
TI LASCIO UNA CANZONE con Antonella Clerici.
2011
Fiorello, ILPIUGRANDESPETTACOLODOPOILWEEKEND.
2012
Serie GRANDI MOSTRE, CONTACT, CAPOLAVORI SVELATI e SETTE MERAVIGLIE. Produzione dei MUSIC AWARDS.
2013
Show memorial per Lucio Dalla 4 MARZO. Serie EMERGENZA VETERINARIA e programma CANZONE con Ligabue, Elisa e Fiorella Mannoia.
2014
FELICITA’, concerto da Mosca di Albano con la esclusiva reunion con Romina Power, STASERA LAURA – HO CREDUTO IN UN SOGNO, primo show tv di Laura Pausini. Massimo Ranieri one man show con la produzione SOGNO E SON DESTO.
2015
WMA 15 , LAURA – LA MERAVIGLIA DI ESSERE SIMILI, IL VOLO – UN’AVVENTURA STRAORDINARIA, TI LASCIO UNA CANZONE – VIII edizione, e ANDREA BOCELLI CELEBRITY FIGHT NIGHT 2015, Gianni Morandi e Claudio Baglioni e MORANDI 7.1, PANARIELLO SOTTO L’ALBERO.
2016
Massimo Ranieri SOGNO E SON DESTO 3, BALLANDO CON LE STELLE 11, CELEBRITY FIGHT NIGHT ed evento BOCELLI & ZANETTI NIGTH, in onda su Canale 5. La serie JO’S HOLLYWOOD per Sky, LAURA&PAOLA, la Reunion dei Pooh – AMICI PER SEMPRE e Roberto Bolle in LA MIA DANZA LIBERA, e L’IMPORTANTE E’ AVERE UN PIANO, di Stefano Bollani.
STASERA CASA MIKA, e Speciale racconto del sodalizio tra Mina e Mauro Balletti.
2017
HIDDEN SINGER ITALIA, tribute show NBC, con J-Ax, Gianna Nannini, Nek, Arisa, Loredana Bertè, Gigi D’Alessio.
STANDING OVATION, con Antonella Clerici, e FACCIAMO CHE IO ERO.

Agcom dati 29/01/2018 al 4/02/2018 Pluralismo politico/istituzionale nei telegiornali

12 febbraio 2018
Agcom dati Pluralismo politico / istituzionale in televisione nei telegiornali.
Periodo di rilevazione dal 29/01/2018 al 4/02/2018.
I dati sono inerenti ai soggetti politici all’interno dei telegiornali, preso in considerazione le Edizioni principale in onda.
Dati telegiornali: Tempi di parola dei soggetti politici.
Tempo di parola: indica il tempo in cui il soggetto politico/istituzionale parla direttamente in voce.

Tornano i dati Agcom in vista delle elezioni del 4 marzo. Di settimana in settimana i dati variano adattandosi in presenza di sfori, con relativi richiami Agcom, riguardo la rilevazione della settimana precedente.

Agcom: 29/01/2018 al 4/02/201, Dati telegiornali Tempo parola Edizioni Principali

Tg 1 Tg2 Tg 3 TgLa7
Pd
27,74% 28,60% 28,56% 25,48%
Liberi Uguali
 5,93%  6,69%   7,60%   6,21%
Civica Popolare
 3,36%  9,53%   1,73%   3,85%
Forza Italia 17,50% 17,78%  16,25%  12,21%
Lega
 6,40%  4,60%   6,54%   8,78%
Frat. Italia  5,46%  3,31%   4,23%   8,99%
Mov 5 Stelle 19,89% 19,81% 18,46% 25,91%
Tg 5 Tg4 St Aper SkyTg24
Pd
22,53% 30,94% 31,01% 31,09%
Liberi Uguali
 9,65%  1,84%   5,24% 11,60%
Civica Popolare
 1,12%  1,54%   1,56%  0,00%
Forza Italia 21,29% 20,49% 26,28% 18,41%
Lega
 8,21% 11,27%  7,26% 10,55%
Frat. Italia  7,14% 6,35%   5,01%  2,59%
Mov 5 Stelle 24,96% 24,59% 21,04% 23,14%

Da Festival di Sanremo a Festival di Baglioni a torna in classifica iTunes con 10 pezzi

9 febbraio 2018
Baglioni canta Baglioni, gli ospiti cantando Baglioni, come previsto da Festival di Sanremo, a Festival di Baglioni è stato un attimo. Gli ottimi ascolti lo premiano così non si vuole vedere, questa specie di auto inchino spalmato su tutte le serate, cosa che Morandi, cantante, non fece: come non bastasse, di sua produzione la sigla, così diritti di autore, anche su quella. La classifica di iTunes di oggi, vede ritornare in classifica 10 suoi singoli quelli cantati nelle serate. Così è.

Salvini al Festival di Sanremo con Elisa Isoardi in platea

9 febbraio 2018
Matteo Salvini in platea con Elisa Isoardi al Festival di Sanremo su consiglio? di Berlusconi che come i media riportano,  suggerisce ai suoi: ” E’ utile partecipare a tutte le cerimonie sacramentali ” o eventi importanti per le persone religiose, siano “battesimi, matrimoni, e, perchè no, anche funerali.”
“.. Essere sempre e comunque presente nel proprio territorio elettorale”, presenziare a “cerimonie, riunioni, eventi dei circoli sportivi di club e sagre”.
Il Festival di Sanremo è perfetto con un ritorno mediatico di milioni possibili elettori: Salvini è sul pezzo, piaccia o non piaccia.
La Rai fa sapere che non verrà inquadrato per rispetto della par condicio ma potrebbe essere ripresa Elisa Isoardi volto Rai.
Si accettano scommesse su possibili errori, clamore in sala: tutti pronti per un selfie i morti di social.

Nb: ” Il candidato forzista che volesse essere rispettoso delle indicazioni del partito dovrebbe -esprimersi parlando per concetti semplici- perché, come insegnò una volta l’ex premier ai suoi, l’uomo medio italiano all’ascolto è molto poco scolarizzato e, quindi, potrebbe infastidirsi sentendo parole e termini che non conosce. Dunque è bene -cercare di parlare in modo semplice e diretto-, evitando -termini obsoleti-.

Festival, tutti i no

7 febbraio 2018
– No a Fiorello che in diretta si fagocita Baglioni, arriva, 2  battute carine, minimo sindacale e già si vede proiettato verso un futuro in Rai.. Scena già vista con Savino, quando andò suo ospite a 90 Special settimana scorsa.
– No, a Mario Orfeo Direttore Generale Rai che si fa piazzare di fianco, la figlia della Hunziker, Aurora, con tanto di fidanzato appresso: non c’erano disponibili parenti, anche lontani, per farsi inquadrare?
– No, a Hunziker che prima miela con dedica per il marito, poi scende in platea per dargli un bacio. Imbarazzante.
– No al pippone soporifero introduttivo di Baglioni in apertura, come voler vanificare il rialzo certo di Fiorello, in un amen.
– No, alla gag Baglioni Favino a carponi ai piedi di Hunziker con cambio scarpe.
– No, alla gag di Morandi fuori dal palco senza invito.
– No, alla gag Hunziker intervista signora social tra il pubblico.
– No, a Baglioni che canta se stesso, con Fiorello.
– No, a Baglioni che canta se stesso, anche con Morandi.
– No, a Baglioni che chiama in gara Elio e le Storie Tese con una canzone terrificante. C’era stato a dicembre il concerto d’addio, ottimo, andavano lasciati a casa.
– No, agli ex Pooh che si dividono e poi ritornano moltiplicati x 2.
– No, al pubblico con evidente bassa scolarizzazione; non ridono alla battuta di Fiorello su Erdogan.

Da Festival di Sanremo a Festival di Baglioni

6 febbraio 2018
Baglioni a Sanremo, da ospiti stranieri solo se omaggiano musica italiana, a, se omaggiano le mie canzoni: è un attimo.
Baglioni 9 gennaio: “Stiamo diramando inviti ad artisti stranieri che vengano a cantare e a suonare qualcosa che è di matrice italiana, che non sia una passerella per la musica di altri Paesi..” Si trasformerà, in una passerella, dei brani di Baglioni?
Con i soldi dei mio canone, gli ospiti stranieri, facciano gli ospiti stranieri.
Sting canti Sting. Taylor canti Taylor.
E che l’omaggio per la musica italiana, degli ospiti italiani -quasi tutti della stessa scuderia di Baglioni-, non si trasformi in un omaggio corale, alle sue basiche canzoni.
Baglioni è solo Baglioni non Battisti.

Salvini da Giletti: vado a Sanremo

5 febbraio 2018
Salvini ospite da Giletti a Non è l’Arena precisa: Vado a Sanremo.
Elisa Isoardi sua compagna, madrina di Casa Sanremo, rivela: “Venerdì sarò in platea all’Ariston e con me ci sarà, impegni permettendo, anche Matteo. Ci piace il Festival”.
Apriti cielo.

Agcom dati 22/01/2018 al 28/01/2018 Pluralismo politico/istituzionale nei telegiornali

4 febbraio 2018
Agcom dati Pluralismo politico / istituzionale in televisione nei telegiornali.
Periodo di rilevazione dal 22/01/2018 al 28/01/2018.
I dati sono inerenti ai soggetti politici all’interno dei telegiornali, preso in considerazione le Edizioni principale in onda.
Dati telegiornali: Tempi di parola dei soggetti politici.
Tempo di parola: indica il tempo in cui il soggetto politico/istituzionale parla direttamente in voce.

Tornano i dati Agcom in vista delle elezioni del 4 marzo. Di settimana in settimana i dati variano adattandosi in presenza di sfori, con relativi richiami Agcom, riguardo la rilevazione della settimana precedente.

Agcom: 22/01/2018 al 28/01/201, Dati telegiornali Tempo parola Edizioni Principali

Tg 1 Tg2 Tg 3 TgLa7
Pd
25,32% 22,64% 20,49% 9,19%
Liberi Uguali
 5,46%  6,72%   9,98% 4,52%
Alt Pop Centr  2,43%  2,11%   1,36% 0,00%
Forza Italia 16,64% 18,58%  18,68% 14,43%
Lega Nord  4,68%  4,68%   5,26% 15,56%
Frat. Italia  2,85%  1,33%   1,72%  0,99%
Mov 5 Stelle 19,85% 21,16% 20,94% 36,49%
Tg 5 Tg4 St Aper SkyTg24
Pd
24,68% 30,31% 19,99% 18,40%
Liberi Uguali
 4,91%  5,38%   2,16%  9,40%
Alt Pop Centr 2,60%  0,00%   0,00%  1,14%
Forza Italia 20,99% 27,09% 28,04% 16,75%
Lega Nord  11,36%  7,17%  1,94%  9,53%
Frat. Italia  2,46% 3,77%  0,00%  0,90%
Mov 5 Stelle 20,02% 22,15% 23,65% 27,91%

Isola dei Famosi caso Henger Monte: Comunicato stampa Mediaset

30 gennaio 2018
Isola dei Famosi in breve:
Henger: Ha portato la droga in trasmissione!
Monte: Attenta alle parole perché ce la vediamo in tribunale!
Marcuzzi: L’Isola dei Famosi è cominciata lunedì sera quando siete arrivati in spiaggia. Cosa è successo in Villa a me non interessa per quanto io sia in disaccordo con l’uso di fumo e droghe.
Signorini via Tweet: La legalizzazione della canna in prima serata ancora mi mancava.
Travolgente bufera mediatica che sfocia, solo nel tardo pomeriggio, in un comunicato stampa Mediaset sul caso Monte-Henger.

“Stiamo verificando i fatti, pronti a prendere provvedimenti”
“In merito alla puntata di ieri sera dell’Isola dei Famosi e alle dichiarazioni della concorrente Eva Henger Canale 5 precisa quanto segue. 1) La concorrente ha iniziato ad accusare un collega chiedendone la squalifica solo nel corso delle “nomination”. 2) La conduttrice ha immediatamente chiesto alla concorrente di chiarire bene ciò che stava dicendo, pur se il tema non aveva niente a che fare con la fase di gioco in atto. Nessuna volontà quindi da parte del programma di distogliere l’attenzione dall’accaduto ma esattamente il contrario, compatibilmente con la tutela del pubblico televisivo in una fascia oraria (le 21.55 circa) caratterizzata dalla presenza di famiglie davanti al teleschermo. E ancora: 3) Fino a questo momento le accuse sono semplicemente frutto del punto di vista di una persona non suffragato da alcuna concretezza. 4) La produzione dell’Isola sta esaminando il materiale video disponibile per verificare i fatti. Tenendo ben presente che Canale 5 e la conduttrice Alessia Marcuzzi sono assolutamente contrari all’uso di qualsiasi sostanza illecita, vale il principio secondo cui tutti i concorrenti del programma hanno gli stessi diritti e gli stessi doveri di ogni altro individuo. 5) Qualora emergessero comportamenti contrari alla sensibilità del pubblico, Canale 5, come ha sempre fatto, prenderà gli opportuni provvedimenti”.

Stefano Callegaro non era un cuoco professionista. Striscia farà le scuse dopo aver spoilerato la finale di Masterchef 4?

26 gennaio 2018
Stefano Callegaro vincitore di Masterchef 4 preso di mira da Striscia tanto che bruciò la sua finale, spoilerando i nomi del podio, vince in Tribunale: non era un cuoco professionista. Striscia la Notizia convinta della sua malefede, si accanì tanto che Magnolia produttrice di Masterchef gli fece causa, come gli fecero causa 5 concorrenti, cause entrambe vinte da Callegaro. La notizia è rimbalzata su tutti i media.
Ora visto come Striscia brandisce la sua morale, 35 servizi contro, a spada tratta, merita almeno un servizio in testa al programma con tanto di scuse, per una giusta riabilitazione mediatica, anche se oramai le occasioni che ha perso non torneranno più.
O la morale vale solo a senso unico, il loro?

Agcom dati 15/01/2018 al 21/01/2018 Pluralismo politico nei telegiornali

25 gennaio 2018
Agcom dati Pluralismo politico / istituzionale in televisione nei telegiornali.
Periodo di rilevazione dal 15/01/2018 al 21/01/2018.
I dati sono inerenti ai soggetti politici all’interno dei telegiornali, preso in considerazione tutte le edizioni in onda e solo le edizioni principali.
Dati telegiornali: Tempi di parola dei soggetti politici.
Tempo di parola: indica il tempo in cui il soggetto politico/istituzionale parla direttamente in voce.

Dati Agcom in vista delle elezioni del 4 marzo. Di settimana in settimana i dati variano adattandosi in presenza di sfori, se ci siano stati nella rilevazione della settimana precedente rilevati da parte del’Agcom.

Agcom: 15/01/2018 al 21/01/2018 Tempo parola: Tutte le Edizioni/Edizioni Principali

Tg 1 Tg2 Tg 3
Pd
25,32/25,32 22,64/22,64 20,49/20,49
Liberi Ug.
5,46/5,46  6,72/6,72 9,98/9,98
Alt Pop C.  2,43/2,43  2,11/2,11 1,36/1,36
Forza It  16,64/16,64 18,58/18,58 18,68/18,68
Lega N. 4,68/4,68  4,68/4,68  5,26/5,26
Frat. It.  2,85/2,85  1,33/1,33 1,72/1,72
Mov 5 St 19,85/19,85 21,16/21,16 20,94/20,94
Tg 5 Tg4 St Aper
Pd
22,57/24,68 25,93/30,31 30,89/19,99
Liberi Ug.
 4,78/5,38  10,16/4,91   6,92/2,16
Alt Pop C.  3,20/2,60  2,55/0,00   2,96/0,00
Forza It. 22,38/20,99 17,31/27,09 12,43/28,04
Lega N.
 11,60/11,36  5,23/7,17  1,69/1,94
Frat. It.  3,33/2,46 1,76/3,77   2,74/0,00
Mov 5 St. 17,60/20,02 19,75/22,15 18,65/23,65
Tg La7
Sky Tg24
Pd
19,01/19,58 18,40/ –
Liberi Ug.
8,77/5,79 9,10/ –
Alt Pop C. 5,51/1,52 1,14/ –
Forza It. 14,65/14,60 16,75/ –
Lega N. 12,37/11,90 9,53/ –
Frat. It. 1,78/1,73 0,90/ –
Mov 5 St. 27,88/28,65 22,51/ –

Isola mantenute attese e premesse trash

24 gennaio 2018
Isola dei Famosi 2018 le premesse intraviste nella prima puntata (un successo per ascolti e tweet) ci sono tutte, e manterranno le attese. Il trash filo conduttore.
Non finirà mai di ribadire che l’elasticità del regolamento, il personalismo nei montaggi farà si che come sempre, la trama sia in mano saldamente agli autori.
Breve personale riassunto:
Alessia Ventura insiste sulla leggenda del fantasma della ragazza a cavallo.. dopo le solite uscite, fronte retro, delle siliconate che si propongono e proporranno a venire, nelle gare, come chirurgo le ha fatte.. ci manca anche di rimbambire il pubblico con racconti paranomali, per darli in pasto poi nel daytime a Barbara D’Urso e il suo pubblico che certo non spicca per istruzione.
Stefano De Martino quando mostra a Venier il macete per indicare -le misure del coso di un concorrente- svela che non ha capito differenza tra inviato e partecipante in cerca di visibilità. Vestito che nemmeno il peggior Indiana Jones; lui non è un concorrente con abiti contati è l’inviato. E quando apre bocca ci ricorda che è famoso solo per essere un bravo ballerino ex di Belen Rodriguez. Il fisico da ballerino ce l’ha, la parlata fluida dell’inviato, no. Chiamato perchè smuove ormoni, gli stessi che si agitano nei programmi di Maria de Filippi.
Mara Venier sta diventando la macchietta di se stessa, si finge tonta, lancia ganci per doppi sensi.
Daniele Bossari se per anni ti proponi in un certo modo e travolto dal successo e soldi ti ritrovi a fare cose che mai avresti anche solo pensato.. Si vede. Si vede tutta.
Francesca Cipriani passerà la vita dentro il meme, abbaaaassati voglio morire, recitato nel peggior modo. L’attacco di panico? o la paura che le protesi non reggessero l’urto? ha creato quello che molti hanno visto. E questa è solo la prima puntata.
Filippo Nardi probabile, possibile mina vagante.
Franco Terlizzi il concorrente non famoso che vince al televoto perchè più famoso e noto, di alcuni famosi in gara.
Francesco Monte noto al pubblico solo per le corna ricevute dalla sua ex al Gf Vip.
Jonathan Kashanian da ex vincitore GF sa benissimo come sono i meccanismi dei fatti e di come vengono narrati da chi li monta e lo dimostrerà.
Craig Warwick il sensitivo diventerà possibile padre confessore di tutti. Che non trasformi/mino gli angeli in uno sciogli pancia modello Wanna Marchi.

Don Matteo traina Porta a Porta

24 gennaio 2018
Si sono accorti della potenza dei traini in tv, magari inizieranno a riportare anche i dati dell’Agcom e non solo quelli dell’Auditel.
Miracolo don Matteo: politici tutti da Vespa il giovedì per sfruttare il traino. Così titola oggi il Corriere della sera on line. Il mio post post sull’efficacia del traino per Porta a Porta con Di Maio, Renzi, Berlusconi e relativi dati è datato 12 gennaio 2018.
Negli anni il primo che ricordi è del 10 gennaio 2013 Berlusconi a Porta a Porta si fece trainare dalla partitona di Coppa Italia Juventus Milan.
12 settembre 2013 post sul traino di Renzi, Berlusconi, Bersani.
Renzi si fece trainare dai Coldplay il 13 gennaio 2016 ospiti a Che tempo che fa.

Agcom dati 8/01/2018 al 14/01/2018 Pluralismo politico/istituzionale nei televisione nei talk

22 gennaio 2018
Agcom dati Pluralismo politico / istituzionale in televisione nei talk.
Periodo di rilevazione dal 8/01/2018 al 14/01/2018.
I dati sono inerenti ai soggetti politici all’interno dei programmi e nelle rubriche di testata: nei vari talk.
Dati: Tempo di parola dei soggetti politici ed istituzionali nei programmi e nelle rubriche di testata.
Tempo di parola: indica il tempo in cui il soggetto politico/istituzionale parla direttamente in voce.
Tg 1: La Vita In Diretta , Porta A Porta, Tg1 Economia
Tg 2: Kronos – Il Tempo Della Scelta, Tg 2 – Storie Racconti Della Settimana
Tg 3: #cartabianca, 1/2h In Piu’, Agora’, M, Presadiretta, Tv Talk, Tg3 – Fuori Tg, Tg3 LineaNotte
Video News: Domenica Live – Storie, Matrix, Mattino Cinque, Pomeriggio Cinque, Quinta Colonna
Tg 4: Dalla Vostra Parte , Dalla Vostra Par te Anche Di Sabato
Tg La7: CoffeeBreak, Dimartedi’, Faccia A Faccia, L’Aria Che Tira – Oggi, L’Aria Che Tira, L’Aria Che Tira Il diario, Non È L’Arena, Omnibus La7, Otto E Mezzo, Otto E Mezzo Sabato, Piazzapulita, Propaganda Live, Tagadà
Sky Tg24: L’Intervista, Seven, Sky Tg24 – Dentro I Fatti, Con Le Tue Domande, Sky Tg24 – Mattina, Sky Tg24 Economia, Sky Tg24 Edicola, Sky Tg24 Pomeriggi

Tornano i dati Agcom in vista delle elezioni del 4 marzo.
Di settimana in settimana i dati variano adattandosi in presenza di sfori, se ci siano stati nella rilevazione della settimana precedente.

Agcom: 8/01/2018 al 14/01/201, Dati Talk Tempo parola, espressi in minuti

Rai 1 Rai 2 Tg 3 La7
Pd
0:39:18 0:03:39 1:49:35 6:02:41
Liberi Uguali
 – 0:28:01 3:29:49
Alt Pop Centr 0:22:21 0:09:58 0:35:32
Forza Italia 0:34:24 0:24:53 0:31:00 2:36:15
Lega Nord  – 0:47:22 2:24:10
Frat. Italia 0:01:24 0:26:17 1:18:57
Mov 5 Stelle 0:28:56 0:02:34 0:22:43 2:10:59
Canale 5 Rete 4 Italia 1
Sky
Pd
0:43:19 0:18:38 1:30:07
Liberi Uguali
0:05:26 0:02:28 1:31:08
Alt Pop Centr  – 0:04:40
Forza Italia 0:44:34 0:35:02
Lega Nord 0:42:22 1:32:13
Frat. Italia 0:15:47 0:15:42
Mov 5 Stelle 0:21:49 0:48:20

Agcom dati 8/01/2018 al 14/01/2018 Pluralismo politico/istituzionale in televisione nei telegiornali

21 gennaio 2018
Agcom dati Pluralismo politico / istituzionale in televisione nei telegiornali.
Periodo di rilevazione dal 8/01/2018 al 14/01/2018.
I dati sono inerenti ai soggetti politici all’interno dei telegiornali, preso in considerazione tutte le edizioni in onda.
Dati telegiornali: Tempi di parola dei soggetti politici.
Tempo di parola: indica il tempo in cui il soggetto politico/istituzionale parla direttamente in voce.

Tornano i dati Agcom in vista delle elezioni del 4 marzo. Di settimana in settimana i dati variano adattandosi in presenza di sfori, se ci siano stati nella rilevazione della settimana precedente.

Agcom: 8/01/2018 al 14/01/201, Dati telegiornali Tempo parola

Tg 1 Tg2 Tg 3 TgLa7
Pd
34,02% 33,67% 26,00% 29,66%
Liberi Uguali
2,66%  1,93%   4,55%    1,30%
Alt Pop Centr  0,89%  3,30%   2,30%   0,00%
Forza Italia  8,34% 17,91%  15,63%   9,08%
Lega Nord 17,63%  6,02%  12,44%  24,96%
Frat. Italia  1,28%  3,51%   3,51%    5,25%
Mov 5 Stelle 20,12% 19,41% 16,91% 27,55%
Tg 5 Tg4 St Aper SkyTg24
Pd
31,69% 21,32% 23,60% 18,79%
Liberi Uguali
 8,77%  4,41%   3,26% 13,43%
Alt Pop Centr  0,87%  4,82%   4,21%   1,30%
Forza Italia 16,48% 13,64% 17,07%  3,15%
Lega Nord  6,94%  3,92%  8,83%  2,49%
Frat. Italia  2,05% 14,99%   4,44%  8,44%
Mov 5 Stelle 24,93% 22,51% 18,70% 24,62%

Agcom dati 29/12/2017 al 07/01/2018 Pluralismo politico/istituzionale in televisione nei telegiornali

20 gennaio 2018
Agcom dati Pluralismo politico / istituzionale in televisione nei telegiornali.
Periodo di rilevazione dal 29/12/2017 al 07/01/2018.
I dati sono inerenti ai soggetti politici all’interno dei telegiornali, preso in considerazione tutte le edizioni in onda.
Dati telegiornali: Tempi di parola dei soggetti politici.
Tempo di parola: indica il tempo in cui il soggetto politico/istituzionale parla direttamente in voce.

Tornano i dati Agcom in vista delle elezioni del 4 marzo. Di settimana in settimana i dati variano adattandosi in presenza di sfori, se ci siano stati nella rilevazione della settimana precedente.

Agcom: 29/12/2017 al 07/01/2018, Dati telegiornali Tempo Parola

Tg 1 Tg2 Tg 3 TgLa7
Pd
22,22% 26,02% 28,28%  11,87%
Liberi Uguali
 1,74%  2,99%   0,85%  3,08%
Alt Pop Centr  4,58%  6,23%   3,07%  3,74%
Forza Italia 15,40% 15,19%  13,98%  0,00%
Lega Nord   7,77%  3,75%    5,51%  3,96%
Frat. Italia  3,49%  1,54%   0,00%  0,00%
Mov 5 Stelle 24,47% 21,84% 29,87% 28,35%
Tg 5 Tg4 St Aper SkyTg24
Pd
16,89% 22,60% 19,81% 15,59%
Liberi Uguali
 4,11%  4,73%  12,12%  0,97%
Alt Pop Centr  2,37%  6,58%   5,71%  1,85%
Forza Italia  7,10%  6,85%   1,40%  7,66%
Lega Nord  8,67%  0,00%   3,15%  9,58%
Frat. Italia  0,00% 0,00%  0,00%  1,75%
Mov 5 Stelle 19,62% 30,14% 27,27% 37,27%

Isola dei Famosi cast 2018

19 gennaio 2018
Isola dei Famosi 2018 reso noto il nuovo cast, di visti e rivisti o riciclati in cerca perpetua del minuto di notorietà: chi pronti a sfruttare il presente, chi memori di quello che fu, tramutato per tutti oggi, in ospitate, copertine e click sui social.
L’elasticità del regolamento, il personalismo nei montaggi farà si che come sempre, la trama sia in mano saldamente agli autori. Le premesse ci sono tutte e manterranno le attese.

Elenco partecipanti in ordine alfabetico:

– Bianca Atzei, cantante
– Cecilia Capriotti, showgirl
– Giucas Casella, sensitivo
– Francesca Cipriani, showgirl
– Paola Di Benedetto, modella
– Marco Ferri, ex Uomini e donne
– Nino Formicola, comico
– Eva Henger, ex pornostar
– Alessia Mancini, ex velina
– Filippo Nardi, ex Grande Fratello
– Chiara Nasti, blogger
– Francesco Monte, ex Uomini e donne
– Jonathan Kashanian ex vincitore GF
– Amaurys Perez, ex giocatore pallanuoto
– Rosa Perrotta, ex Uomini e donne
– Nadia Rinaldi, attrice
– Craig Warwick, sensitivo

90 Special dal boom di Fiorello a Rocco Siffredi che vota Berlusconi

18 gennaio 2018
90 Special l’ospite di apertura Fiorello trasforma per un ora il condutture Nicola Savino, in valletta, trainando la prima puntata in diretta su Italia1 come TT su Twitter. Nel titolo, il programma, gli anni 90 protagonisti i come eravamo raccontati ai millennials. Gli autori come abitudine Mediaset, strizzano l’occhio al porno, Rocco Siffredi in fascia protetta arriva a mezzanotte e per mezz’ora liberi tutti: doppisensi, battutacce, allusioni e volgarità aiutati da una valletta, spalla di Savino Katia Follesa, sopra le righe, a tratti imbarazzante per modi e vocaboli. Ciliegina sulla torta? un giochetto con veneziane stile 9 settimane e mezzo che celano una svestita Malena, Filomena Mastromarino, in tanga.
Se chiedete a una persona cosa siano gli anni 90, provate e contate, se e quanti  vi diranno il nome, Rocco Siffredi che tra un senso unico e l’altro, vira palesandosi con un endorsement politico, per Silvio Berlusconi.
C’è un problema di fondo che non si vuole vedere, non per l’endorsement.

Festival, superospiti di riciclo: Laura Pausini presente nel 2016, Biagio nel 2015

17 gennaio 2018
Festival, ritorna ancora Laura Pausini già superospite nel 2016 nella serata di apertura: non se ne sentiva la mancanza.  Certa la presenza di Biagio Antonacci visto nel 2015: nemmeno per lui premeva l’assenza.
Come non bastassero, si scrive di superospiti, fino a pochi anni fa in gara (2011, 2015, 2014), come il neonato trio, Pezzali Nek e Renga, a il Volo vincitori della gara canora nel 2015. Ospiti accomunati dall’essere in promozione con un nuovo album e concerti.
No grazie per tutti.
Sanremo con superospiti italiani che di super non hanno proprio nulla.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: