Diretta spoglio schede: Rocco Siffredi. Risate in emiciclo: c’è da ridere?

19 aprile 2013

In diretta su Rai, Mediaset, La7 e Sky si consuma lo spoglio delle schede, effettuato dalla Presidente della Camera Laura Boldrini che senza scomporsi legge: Rocco Siffredi e viene  accompagnata da un sottofondo di risatine.
Le battute da bar le facciano, le scrivano, alla buvette; voglio in Parlamento voti palesi, ci mettano la faccia, sono profumatamente stipendiati dello Stato, pagati con le tasse di tutti, il cazzeggio visto che siamo nella m. fino al collo non è previsto e ce lo devono risparmiare.
Voglio sapere sempre cosa votano e per chi: in Parlamento che si lavori dal lun. al ven. compreso, 8 ore almeno al giorno (meglio specificare), come in una qualsiasi azienda privata.
Nel privato sarebbero inamissibile certi comportamenti, durante un CdA o certi non orari di lavoro.

Annunci

15 Risposte to “Diretta spoglio schede: Rocco Siffredi. Risate in emiciclo: c’è da ridere?”

  1. francesco Says:

    è lo specchio del paese il parlamento!

  2. agrimonia71 Says:

    meglio un buon wurstel che la mortadella

  3. crimson74 Says:

    Questi fenomeni si ripetono puntualmente e io sarò eternamente grato a chi ieri ha votato Raffaello Mascetti; non sono poi granché d’accordo sull’ammissibilità: nelle aziende private talvolta si va ben oltre il gergo da caserma e si sfora pure nel mobbing, mentre all’interno dei CdA, almeno fino a quando non faranno la diretta streaming, non è dato sapere cosa succeda… Se poi si pretende serietà, si imponga il voto palese, così ognuno opera alla luce del sole e facciamo anche a meno dei ‘franchi tiratori’…

    • smilepie Says:

      in Parlamento certi comportamenti x me sono inammissibili, andrebbero puniti pesantemente toccando il portafolio, nn si scherza con le sorti delgi italiani e nn si perde tempo, la mussolini ieri altro bell’esempio…
      ti ho votato x’ tu faccia quello che mi hai detto, ti pago x questo, quindi voglio solo voti palesi… ho il minimo alto… ; )
      sai che ti dico? che x far funzionare il pubblico ci vorrebbe le regole feree che esistono in tutti gli ambienti di lavoro privati..
      metà e mi tengo stretta, metà, sarebbero licenziati in tronco x’ zavorra improducente… il pubblico politici compresi con le regole di oggi è la rovina dell’italia onesta e lavoratrice. il mobbing è una piaga che va combattuta figlia comuque semrpe della mentalità mafiosa x’ se c’è chi subisce c’è anche chi se ne accorge e sta zitto.

  4. fulvio Says:

    La maggioranza dei nostri ben retribuiti politici nel “Privato” potrebbero al massimo ambire ad un impiego come bidelli o portinai, con il dovuto rispetto a queste meritorie categorie.
    Ciao,fulvio


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: