Spot Abbonamento Rai 2013

24 gennaio 2013

In onda spot Abbonamento Rai 2013 improntata sul possesso del televisore, motivo dell’imposta obbligatoria.
Nello spot si sottolinea come, dove e cosa si faccia del televisore, poco conti. Ricordando in chiusura che: “Il nostro impegno invece è darvi una tv che valga davvero la pena di possedere, divertente stimolante, appasionante.”
Brevis: che guardiate Rai, Sky, Telecom, Mediaset o che sia spenta, non ci importa,  il canone si paga perchè detentori di un televisore. Piaccia o non piaccia è un tributo (tassa) sul possesso.
Aberranti le 3 parole finali per la mission: divertire, stimolare, appasionare.

Pay off: Rai molto più che una tv

Dal sito istituzionale Rai, sezione Canone Abbonamento: Chiunque detenga uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione dei programmi televisivi deve per legge R.D.L.21/02/1938 n.246 pagare il canone di abbonamento TV. Trattandosi di un’imposta sulla detenzione dell’apparecchio, il canone deve essere pagato indipendentemente dall’uso del televisore o dalla scelta delle emittenti televisive.

Annunci

8 Risposte to “Spot Abbonamento Rai 2013”

  1. falcon Says:

    ah ah ah ma detenzione de che?
    C’è un’atto notarile che attesta questo?
    La televisione è registrata in qualche ente o database che ne certifica la proprietà dell’individuo?
    Come mai non si paga la tassa di possesso anche sulla lavatrice o sul forno a microonde?

    • smilepie Says:

      la tv di stato va sovvenzionata in qualche modo, che poi 3/4 sia da buttare è altro discorso.
      le tasse si pagano e proprio x’ tutti nn le pagano (solito vecchio discorso, ma tanto vero nn solo x la tv), chi lo fa si paga anche la parte degli altri.
      anni fa i primi a nn pagarlo erano proprio gli stessi dipendenti, 15mila… x nn parlare della situazione in certe zone d’italia… vergognose.
      una volta pagata la tassa, possiamo discutere su come usarla.

  2. ipitagorici Says:

    Che poi è un controsenso l’impegno della Rai per fare una tv migliore, quando la tassa si paga per il possesso di un televisore e non per l’utilizzo concreto ed effettivo !

    • smilepie Says:

      tua deformazione professionale.. ; )
      sulla tv migliore stendiamo un velo pietoso…

    • ipitagorici Says:

      Uno dei pochi aspetti positivi della Rai sono tutti i canali meno noti, visibili da qualche tempo da tutti con il digitale terrestre… movie, storia, 5 etc…

    • smilepie Says:

      si il digitale terrestre ha dato vita a canali veramente ricchi ed interessanti Rai 5 su tutto, peccato che venga visto da pochi addetti…

  3. agrimonia71 Says:

    fosse veramente così…..

  4. crimson74 Says:

    Il problema non è tanto quello della qualità dei programmi; il punto è che ci troviamo davanti al solito sistema all’italiana: c’è una ‘tassa di scopo’ volta a finanziare la Rai… che però si finanzia anche e soprattutto con la pubblicità, come tutti gli altri: in questo modo la Rai gode di un vantaggio nei confronti dei propri competitor… vantaggio peraltro pessimamente sfruttato, vista la scarsa qualità media dei programmi (migliorata solo con l’avvento del digitale terrestre)…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: