Bonolis: Berlusconi ha rintontito il Paese

19 ottobre 2012

Questa settimana Paolo Bonolis sul settimanale A si racconta in una lunga intervista ad Elena Martelli.
Ne dice tante ma quella su Ciao Darwin le supera tutte, (anche quella di dire che Berlusconi ha rintontito il Paese), perchè penso che il primo a partecipare attivamente, sia stato anche lui facendo programmi tipo Ciao Darwin. E proprio su Ciao Darvin afferma:
Martelli: Se lo facesse su Rai 3, pensa che l’intellighenzia di sinistra non le direbbe che è solo tette e culi?
Bonolis: Senza dubbio. Ma in realtà è un programma grottesco perche siamo grotteschi. Se lo guardi ridi. Siamo così. Darwin è lo specchio tutt’altro che deformato della realtà.
Martelli: E non le fa rabbia che dicano solo tette e culi?
Bonolis: Ognuno può dire quel che vuole così come ognuno vede ciò che può.
Se lo guardi ridi, no mi fa pena, come mi fanno pena chi sentendosi protagonista vi partecipa, partendo dal pubblico-concorrente.
Siamo così…
No nn siamo così, solo una parte è così, rimbambita da una certa tv, fiera nella sua ignoranza dalla zero memoria però voglio credere che gli italiani siano meglio di quelli che passano in tv pronti a tutto pur di esserci e apparire.
Ognuno vede ciò che può… No ognuno vede ciò che c’è, tette e culi sono sempre stati parte integrante della baracconata vojeristica, senza tette e culi gli ascolti sarebbero stati molto diversi.
Che delusione, un altro che si cava fuori dal piatto in cui ha mangiato e continua a mangiare: non basta fare Il senso della vita per sentirsi diversi.

15 Risposte to “Bonolis: Berlusconi ha rintontito il Paese”

  1. camosciobianco Says:

    … hai notato, come in questi ultimi tempi, sono in parecchi ad inveire con il berlusconismo, dopo averne però decantate le virtù per anni?
    Alcune raffinate (!) firme del Corriere stanno, piano piano, compiendo un bel 180°.

    In Italia, ad ogni cambio di stagione politica, si possono ammirare in diretta le meraviglie delle girandole. 🙂

    Mio padre si ricorda ancora quanto avvenne in Valle con la caduta del fascismo. Il giorno prima, tutti esponevano i simboli del duce; l’indomani, tutti si professavano acerrimi nemici del fascio. Soprattutto tra coloro i quali avevano tratto grandi benefici economici con il regime fascista.

    Gli anni scorrono, ma la miseria umana rimane tale e quale. Quindi, perché mai prendersela con il Signor Bonnolis? E’ una delle tante girandole.

  2. camosciobianco Says:

    …errata corrige: Bonolis e non Bonnolis!! 🙂

  3. agrimonia71 Says:

    Io non ho mai riso davanti a ciao darwin…forse non sono italiana. 😆

    O.T secondo te è normale che la lavazza non riesca a fare uno spot in italiano? ma solo in romano?

  4. Fulvio Says:

    Bonolis non mi piaceva nemmeno quando conduceva “Bim bum bam” e io ero costretto,da mia figlia, a guardarlo.
    I programmi ” tette/culi o dirette strappalacrime e le pubblicità banali se non proprio stupide non sono imposte dalla Tv ma volute dalla maggioranza dei guardoni catodici (oggi al plasma).
    Ciao,fulvio

  5. Paolo Says:

    Ciao Smile , grazie degli auguri. Ti ringrazio anche qui perché non sono tanto sicuro che ti arrivi l’e-mail. Condivido tutti i giudizi e aggiungo un dubbio: ma siamo sicuri che Bonolis pensi? O fa finta tanto si è sistemato per la vita e ha la testa lietamente altrove? Poi, parli per sé; io Ciao Darwin non l’ho mai visto e a me fanno pena le povere scodinzoline, di cui si mostra il culo e si disconosce l’anima…

  6. smilepie Says:

    @ camo tutte queste girandole che per comodo vanno dove li porta il vento.. chiamiamolo così..
    quello che ho trovato irritante è negare l’evidenza sotto gli occhi di tutti, ci pigliamo tutti per sempliciotti ignoranti dalle zero memoria.

    @ agrimonia c’è da vergognarsene al solo pensiero che abbia trovato spazio in prima serata il sabato come programma x pseudo famiglie..

    @ fulvio guardoni catodici la fortuna di Mediaset che su di loro ci ha ritagliato un elettorato perfetto..
    Ciao : )

    @ Paolo si è sistemato per la vita, per quello può fingere di essere contro il -sistema- anche da lui creato.
    La mail all’indirizzo del blog non mi è arrivata …gli auguri è un piacere : )))

  7. donburo Says:

    Le sfilate in ghingheri di Ciao Darwin se le deve essere evidentemente dimenticate… che smemorato il Paolo…

  8. francesco Says:

    l’Italia è il paese dei trasformisti no? di che stupirsi?

  9. smilepie Says:

    @ eccerto… comodo lui…

    @ fra non finirò mai di stupirmi e di incaxxarmi..

  10. ilbuendia Says:

    ciao darwin, ne guardavo pezzi a 15 anni
    solamente perché c’erano tette e culi.
    Altro che ridere.

  11. RobySan Says:

    Tette e culi? Slurp, slurp! Dove, dove, doveeee? Dove sono le tette e i culi, Slurp, slurp! Doveeeeee! E le cosce noooo? Voglio anche le cosce. Slurp, slurp!

  12. redpoz Says:

    ma ciao darwin è un programma tette e culi! a prescindere di su quale canale lo si faccia.

    e Bonolis è corresponsabile (assieme a tanti altri) di questo rintontimento collettivo.
    ha un bel dire, ora, che è l’opera berlusconiana!
    avrebbe forse rifiutato, allora, di fare ciao darwin?
    e che non ne faccia ora un programma antropologico, perchè racconterebbe ancora balle….

    ciao!

  13. Crimson74 Says:

    Mah. Io Bonolis l’ho sempre apprezzato, soprattutto per il fatto di non aver mai dato adito a gossip, scandali preconfezionati e quant’altro, uno per cui l’apparenza comincia e finisce coi suoi programmi senza che si debba sapere di lui vita, morte e miracoli 24 al giorno. Lo seguivo da ragazzino su Bim Bum Bam, l’ho evitato quando conduceva Beato tra le donne, ho ripreso a seguirlo quando ha ricominciato coi preserali e Ciao Darwin programma che mi ha sempre divertito (e che attenzione, è stato esportato pure all’estero, quindi non sono solo gli italiani a lasciarsi rincojonire) Esposizione di quarti da macelleria assieme a personaggi grotteschi, certo… ma non sono riuscito mai a vederci tutto questo ‘male’: una trasmissione da cui sai esattamente cosa aspettarti, priva dell’ipocrisia di altre, dove ti mettono tette e culi di soppiatto, alla chetichella, anche dove non c’entrano nulla (De Filippi docet). Quindi che devo dire? Meglio lui di altri, se vogliamo… Oltretutto, attenzione: Bonolis non è mai stato un ‘berlusconiano’: magari lo si può accusare di non aver mai preso posizione, ma non credo abbia mai dovuto pietire per fare i suoi programmi, anzi al contrario, Mediaset per tenerselo lo paga fior di milioni. Non è uno di quelli che, dopo aver fatto tv ‘per grazia ricevuta’ ora vista la mala parata sputano nel piatto in cui mangiano; tutto il contrario: dovrebbe essere Mediaset ad accendergli un cero per essere uno dei pochi che ancora gli fa incassare soldi…

  14. smilepie Says:

    @ ilbuendia quella era la sua forza.

    @ RobySan in tv trovi, trovi…

    @ redpoz la pensiamo allo stesso modo, l’ha buttata sul grottesco perchè fa molto letterato.. ma in conccreto
    quello che era, era sotto gli occhi di tutti.

    @ crimson concordo sul gossip, ne è sempre rimasto fuori almeno questo.
    qui nn conta essere berlusconiani o no, conta aver
    partecipato all’imbarbarimento dei telespettatori e poi negando l’impossibile, cavarsene fuori.
    Le sue tette e i suoi culi nn lo sono meno di altri solo x’ palesemente evidenti, lo schifo stava anche nelle inquadrature da guardoni, il fare leva sulla voglia di protagonismo di un certo pubblico pronto a passar x scemo anzi scemissimo pur di apparire.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: